martedì 29 ottobre 2013

Pasta chi Sparaceddi ......e pistacchi !!!! (pasta con sparacelli e pistacchi)


E' tradizione Palermitana associare gli  "Sparacelli" alla famosissima "pasta chi sparaceddi arriminata" , che sovente, in questo periodo, in ogni casa Palermitana, le buone massaie sono solite preparare!!!
Venerdì scorso, dal fruttivendolo dietro casa, ho trovato gli "sparacelli" freschi e subito guardandoli, pensai a mia madre e come le sarebbe piaciuto mangiare un buon piatto di pasta tipico, sì,  della nostra buona e bella  tradizione, ma simbolo di un altro anno trascorso,  perchè per mia madre, così come per la stragrande maggioranza degli anziani,  l'inizio di una nuova stagione, con tanto di prodotti tipici, è sinonimo di: "per grazia di Dio la vita continua e ancora per un altro anno riusciamo a vedere e gustare i nostri buoni prodotti". Ora, è altrettanto vero però, che nella ricetta della   "pasta chi sparaceddi arriminata", sono previsti anche i passolini e i pinoli, anche se di varianti ce ne potrebbero essere diverse, ma a casa mia, mia madre, la faceva in quel modo. Non avevo passolini e pinoli, ma mi ero messa in testa che avrei preparato questo buon piatto, non volevo deludere mia madre anche se lei l'ultima cosa che saprebba fare è lamentarsi ma, ad ogni modo, non avrei avuto altri condimenti per il pranzo di quel giorno. Come dico sempre, basta far accendere la lampadina di Archimede che all'improvviso vengono in mente tante idee per sostituire l'ingrediente mancante, senza creare danno, ma dando vita, probabilmente, ad una nuova ricetta o ad una nuova variante alla PASTA CHI SPARACEDDI ARRIMINATA, ma questa volta a modo mio!!!!


Con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione

Il mio Programma di affiliazione




INGREDIENTI:

300 gr di rigatoni
2 mazzetti di sparaceddi
mezzo vasetto di alici sott'olio (intendo un vasetto piccolo)
1 cipolla grande
olio evo q.b. 
un pugno di pistacchi di Bronte al naturale (il mio ingrediente in sostituzione....)
cacio cavallo grattuggiato q.b.
sale e pepe q.b. 
acqua q.b.

PREPARAZIONE

Puliamo gli sparacelli, e teniamo anche le foglie più tenere, lessiamoli e scoliamoli ma senza salarli (lo faremo dopo)

Prepariamo i pistacchi ...... i miei erano da sguasciare, per cui mentre facevo lessare gli sparacelli, li ho sgusciati

In un tegame piuttosto grande, facciamo rosolare la cipolla tagliata molto finemente nell'olio evo, Appena si sarà appassita, versiamo dentro 3 o 4 filetti di alici sott'olio, che faremo sciogliere nel soffritto con la cipolla (come potete vedere la cipolla si è colorita con le acciughe che si scioglievano.... ) e versiamo anche la metà dei pistacchi che abbiamo precedentemente sguasciato .......

Mescoliamo bene e versiamo dentro gli sparacelli tagliati a pezzetti 

Mescoliamo bene il tutto, versiamo sul fondo del tegame un pò d'acqua ed aggiungiamo ancora 3 o 4 filetti di alici, 



continuiamo a mescolare un pò e copriamo.Lasciamo cuocere fino a quando l'acqua del fondo del tegame si sarà asciugata, controllando di tanto in tanto. 

Ecco il condimento già pronto .......




Nello stesso tegame dove abbiamo fatto cuocere gli sparacelli, senza sciacquare, versiamo l'acqua per cuocere i rigatoni. Nel frattempo tostiamo l'altra metà dei pistacchi e subito dopo frulliamoli. Credetemi, il profumo di questi pistacchi, nel condimento prima e nella tostatura durante e dopo..... era qualcosa di insuperabile!!!

 

Teniamoli da parte!

Appena i rigatoni saranno pronti, ma sempre al dente, scoliamoli dall'acqua di cottura e rimettiamoli nella pentola. Versiamo sopra il condimento con gli "sparaceddi" e "arriminiamo nnà pignata" (mescoliamo dentro la pentola). Ora serviamo con una buona manciata di Cacio Cavallo Ragusano grattuggiato ed una manciata di trito di pistacchi tostati .......



Io non so se ancora riuscite a sentirne il profumo.... sebbene gli sparaceddi non siano profumosi ma  tutt'altro, quello che posso assicurarvi  è che, la mia ricetta, pensata proprio prima del pranzo, ha riscosso un vero successo.......!!!

Che aspettate, provateci!!!

Un abbraccio a tutti, Enza....


p.s.: 
Aggiungo la foto della pianta degli Sparaceddi (Sparacelli Palermitani),  su richiesta di chi scambia questo particolare broccoletto con il broccolo che per noi Palermitani è quello grande e verde. La foto non è mia ma presa dal web ed esattamente da  www.windoweb.it




15 commenti:

  1. finalmente mi posso godere in pace questo post....e sto sbavando davanti al pc....LA ADOROOOOOO!!!!! e tu l'hai personalizzata magnificamente!!!! SBAV SBAV SBAV!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Mimmaaaaaa............. si fa quel che si può in base a quello che si ha. Baciiiiiiiiiiiiiii

      Elimina
  2. Io invece da piccola mangiavo proprio i pinoli e l'uvetta perché non amavo i broccoli! Adesso naturalmente apprezzo soprattutto quelli! Mi piace molto questa tua variante, sabato la proverò ....la foto n12 fa venire voglia di farla subito :-) Mimma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah Mimma, pure le foto hai contato...... Grande!!!!!!!! Un abbraccio

      Elimina
  3. La foto rende in pieno, fa venir voglia di afferrare il piatto dallo schermo...Il gusto indiscutibilmente eccezionale, gli ingredienti parlano da soli. Come sempre brava Enza, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeee Erminia...... Anche se qui il merito lo divido con mia madre, senza le sue dritte non avrei realizzato questo piatto. Sei sempre carinissima!!!!!

      Elimina
  4. Onestamente io i broccoli faccio fatica a mangiarli ma con i pistacchi nn ho provato, voglio provarla! Grazie x la ricetta. Nn la conoscevo proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao....... Ti capisco perché questi broccoli - meglio per noi sparacelli, perché per broccolo intendiamo un altro ortaggio sempre della stessa famiglia - non fa impazzire neanche me. Fare questo condimento, però, rende questa pasta un primo particolare. Anch'io per la prima volta ho usato i pistacchi in questa ricetta...... Esperimento riuscitissimo. Grazie per esserti fermato/a !!!!

      Elimina
    2. Di niente è un piacere, grazie a te che condividi con noi tutte queste belle ricette

      Elimina
  5. Sembra di sentirne il profumo!!!!! Io li adoro i sparaceddi, li ho mangiati pure venerdì...al prossimo giro ti copio la ricetta zia!!!! Sei piena di idee ed io ti adoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioia mia sono io che adoro te per tutti i complimenti che mi fai e per il modo in cui ti poni. Sei un vero tesoro. Però manciati a pasta chi sparaceddi, che fa bene ed è una ricetta Siculissima ...!!!!! baciuzzo....

      Elimina
  6. Ma questi sparacelli.... sono i broccoli????? Pensa che proprio ieri ho postato un tortino salato con broccoli, pinoli e acciughe ^_^
    Questa pasta mi intriga parecchio. Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica, per noi i broccoli sono altri - quelli verdi e grandi per intenderci - questi sono diversi.... però adesso cerco la foto degli sparaceddi e faccio un p.s. sul post, anche perchè non sei la prima a chiederlo. Qualcuno su FB e su Google, mi ha fatto la stessa domanda.... provvedo subito Erica cara e grazie per fermarti da me. Un bacio !!!!

      Elimina
  7. non conoscevo questo modo di fare la pasta, ha molte analogia con la nostra, ma allo stesso tempo ha punti differenti,... deve essere deliziosa, la farò quanto prima grazieeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pietro caro, non lo conoscevo neanche io, ho fatto un "puorpurì" tra ricetta originale e ciò che mi dettava la testa in base agli ingredienti che avevo a disposizione. E' venuto fuori un piatto squisitissimo. Però fatemi sapere se provate, ok???? Un abbraccio

      Elimina